Calcio 2a Categoria. L’amarezza del giorno dopo in casa Paulese. “Penalizzati dalla terna arbitrale”

Calcio 2a Categoria. L’amarezza del giorno dopo in casa Paulese. “Penalizzati dalla terna arbitrale”

29 Maggio 2017 Off Di Redazione GuilcerSport 3

Ci vorrà sicuramente molto tempo negli ambienti sportivi paulesi per smaltire la delusione e la rabbia per l’epilogo della finale play off per l’ammissione diretta in 1a Categoria, disputata ieri a Orosei e che ha visto lo Star Sport Olbia imporsi sui gialloblu’ per 3-2.

Il portavoce della Paulese Peppe Putzolu, persona equilibrata in ogni commento e dichiarazione resa durante la stagione anche per il nostro sito, è davvero molto amareggiato.

UNA TERNA NON ALL’ALTEZZA.

“Una profonda delusione afferma, che non mi ha permesso ieri di fare come al solito la disamina della partita. Delusione per non essere riusciti a coronare un sogno atteso da 32 anni. Sogno infranto, prima cozzando contro una super corazzata insormontabile come la “terna arbitrale”, poi contro una squadra non trascendentale che fino al momento del gol irregolare segnato da Addis con la mano(oltre al rigore) non aveva creato azioni degne di nota. Veementi ma vane sono state le nostre proteste dopo il gol del 2-1, tutte respinte costantemente dall’arroganza di un arbitro apparso incapace e presuntuoso, coadiuvato da due assistenti che, invece di guardare la partiva erano costantemente distratti. Hanno colto ogni occasione, denuncia Putzolu, per andare contro, fischiando sempre a favore degli olbiesi bloccando qualsiasi azione paulese. La conseguenza sono stati 3 espulsi per proteste, Angelo Catzeddu, Alessandro Ruggiu e dalla panchina Mario Piga, più il Dirigente accompagnatore “

CRONACA:
Primi minuti di dominio territoriale Paulese con la Star Sport che agisce di rimessa, al 12° fallo in area su Leo Scanu da ultimo uomo ed è rigore. Primo regalo mancata espulsione del terzino. Batte Leo Scanu ed è gol. 1-0.
Ancora la Paulese in avanti che crea azioni importanti. Al 24° leggerezza di Zac che tocca Careddu in area: rigore. Batte Sias e pareggia.
Ancora azioni su due fronti con gioco prevalentemente a centrocampo.
Al 44° il fatto che cambia la partita: cross al centro interviene Addis che prima con la testa e poi con la mano piena mette il pallone in rete. Consultazione con l’assistente e assegnazione del gol. 2-1.
Da questo momento in poi inizia lo show dell’arbitro.
Al 48° buona giocata di Sias al centro e di piatto Addis segna il 3-1. Al 50° espulso Catzeddu per proteste.
In evidenza Mattiello con un paio di buone parate. Al 79° rigore per fallo in area di Giovanni Ruggiu. Batte lo stesso attaccante ed è il 3-2. La Paulese anche in dieci non è mai doma fino all’espulsione per proteste, tutt’altro che accese, di Alessandro Ruggiu. Qualche sussulto ancora e senza assegnare alcun minuto di recupero l’arbitro fischia la fine fra le contestazioni del pubblico deluso dal comportamento della terna arbitrale.

MAGGIORE ATTENZIONE ALLE DESIGNAZIONI.

“Chi è deputato a farlo, valuti i comportamenti arroganti e presuntuosi di questi ragazzi, aggiunge Peppe Putzolu, forse non pronti per affrontare cose più grandi di loro.

IL FUTURO.

In noi c’è il rammarico fortissimo di aver quest’anno dato tanto con tutte le componenti: società, tecnico, giocatori pubblico sponsor. Di aver fatto una “cavalcata” incredibile in campionato con 82 punti a ridosso della San Marco, che ringraziamo per gli attestati di stima che ci ha profuso in questi giorni ed esserci stata vicino negli spareggi. Non siamo riusciti però nell’ impresa di raggiungere l’obiettivo.
Forse ci riproveremo forse no…adesso ci lecchiamo le ferite e valuteremo”.

TABELLINI

PAULESE: Mattiello, Saba, Chafaoui, Colombo, Muroni(46°Ruggiu G), Sanna, Salis(86°Chafaoui), Scanu, Sciolla(63°Peddis), Catzeddu.

Allenatore: Lello Atzori.

STAR SPORT: Ciffonis, Isonis, Sotgiu, Riccardo, Vannozzi, Sini, Careddu. Sotgiu Roberto, Merone, Addis, Sias.

Allenatore: Ricci.

Arbitro: Selva di Alghero.

Marcatori: 12° Scanu su rigore, 24° su rigore e 47° Sias, 44° Addis, 80° Ruggiu Giovanni su rigore.