DA NORBELLO A SIENA: MASSIMO COGHE PER TRE VOLTE RE DI PIAZZA DEL CAMPO

DA NORBELLO A SIENA: MASSIMO COGHE PER TRE VOLTE RE DI PIAZZA DEL CAMPO

2 Luglio 2016 Off Di Web GuilcerSport

Oggi è il 2 Luglio e si corre l’attesissimo Palio di Siena, la più famosa e fra le più antiche corse equestri italiane e non solo.

Esattamente il 2 Luglio del 1988, il fantino di Norbello Massimo Coghe vinse il suo primo Palio a Siena per la contrada del Nicchio. Da allora sono passati ben 28 anni e Massimo è diventato uno dei più quotati ed apprezzati fantini del Palio di Piazza del Campo.

Massimo Coghe 2

Immagine del Palio di Siena del 02 luglio 1988 (Fonte archivio fotografico ufficiale del Palio)

Questa che vi raccontiamo è allora la bella storia di un fantino del Guilcer che a 11 anni uscì di casa senza dire dove andava, per correre di nascosto dai suoi genitori la prima importante corsa a cavallo.  Esattamente nel 1975 si ritrovo in sella usando uno stratagemma. “Un amico di famiglia, ricorda Coghe, confidò a mio padre di non avere il fantino per correre a Ghilarza una corsa. Io sentii tutto e mi presentai in pista convincendolo che mio padre mi aveva dato l’autorizzazione a montare”. Da quel giorno Massimo, soprannominato Massimino proprio per la sua giovane età, inizio l’ascesa che si concluse ufficialmente soltanto nel 2011 quando vinse il Palio di Asti.

35 anni a cavallo per una carriera importante e ricca di successi soprattutto nel prestigioso Palio di Siena, dove per tre volte ha scritto il suo nome nell’Albo d’Oro della corsa di Piazza del Campo.

Ma chi è Massimo Coghe?

Massimo Coghe 1

Il Fantino norbellese Massimo Coghe

Nato a Norbello il 14 gennaio del 1964, è praticamente cresciuto a cavallo tenuto conto che il padre Italo aveva una azienda dove ne allenava diversi. Inizia a correre nelle corse paesane in Sardegna e le vittorie non mancano. Si mette in mostra per la sua tenacia e freddezza in gara. La svolta nel 1986. Al Palio di Nuoro, fu avvicinato da “Cianchino” Salvatore Ladu, che senza troppi giri di parole, come ricorda Massimo, gli disse: “Devo portare un ragazzo a Siena per una contrada e mi hanno detto che il più figlio di p…..a sei tu”. Massimo risponde subito presente.

La sua avventura a Siena inizia quando montò per la Pantera in occasione della prima prova del Palio del 2 luglio 1985 sul cavallo Ciriaco. Un anno dopo arrivò anche l’esordio al Palio vero e proprio, quando corse in groppa a Brandano con i colori del Nicchio, contrada con la quale si instaura un rapporto che si protrarrà nel tempo.

L’ascesa di Massimino, e la definitiva consacrazione non tardò ad arrivare: il 2 luglio 1988 il fantino sardo conquistò la prima delle sue tre vittorie al Palio di Siena montando Benito III per la contrada del Nicchio. A Norbello si scatena la festa e si esce per strada quasi fosse la vittoria dei Mondiali.

Nel 1994 altra vittoria nel Palio del 2 luglio per la contrada della Pantera sul cavallo Uberto.

Cinque anni dopo nel Palio dell’Assunta del 16 agosto 1999, vinse invece la sua terza corsa per la contrada della Chiocciola con il cavallo Votta Votta.

Nel 2007, Massimo decise di non correre più il Palio senese, mentre nel 2011 dopo aver vinto superbamente il Palio di Asti, annunciò di lasciare definitivamente le corse, lasciando un grande ricordo fra quanti lo hanno conosciuto ed apprezzato, come uomo e fantino.

Attualmente vive con la famiglia a Monteroni d’Arbia vicino a Siena e non mai uscito dal circuito paliesco italiano, dove gode tuttora di un’ottima fama sia come fantino che come allenatore di cavalli.

Ecco l’eccezionale palmares di vittorie della sua lunga e brillante carriera:

  • Palio di Siena: 3 vittorie (1988, 1994, 1999)
  • Palio di Fucecchio: 1 vittoria (1998)
  • Palio di Asti: 5 vittorie (1987, 1999, 2001, 2009, 2011)
  • Palio di Bientina: 4 vittorie (1996, 1997, 1999, 2000)
  • Palio di Cagliari: 2 vittorie (2001, 2002)
  • Palio di Legnano: 1 vittoria (2003)
  • Palio di San Vincenzo: 2 vittorie (2002, 2003)

A Siena ha corso in totale 33 Palii di cui 3 vinti e per 3 volte è arrivato secondo. Ha corso in 15 Contrade diverse, vincendo per quella del Nicchio, della Pantera e Chiocciola.

Serafino Corrias