Il 5 e 6 ottobre la grande festa del surf a Capo Mannu 

Il 5 e 6 ottobre la grande festa del surf a Capo Mannu 

20 Settembre 2019 Off Di Link GuilcerSport

Ritorna un appuntamento atteso soprattutto dai tantissimi appassionati che hanno eletto questa zona della Sardegna la capitale del surf. La Penisola del Sinis, in particolare la zona di Capo Mannu nel comune di San Vero Milis, si prepara anche quest’anno ad ospitare la ‘cultura del mare’ e il connubio tra sport e ambiente, con la terza edizione della sagra del surf di Capo Mannu in programma i prossimi 5 e 6 Ottobre 2019.
Dopo una seconda edizione dai numeri importanti, che ha visto la partecipazione di oltre 120 espositori e il coinvolgimento di circa 8000 persone, l’evento sportivo surfistico è pronto a trasformarsi anche quest’anno in un coloratissimo palcoscenico, per mostrare ad appassionati, curiosi e neofiti, il mondo del surf e i tantissimi altri sport che con esso condividono amore per la natura e rispetto per l’ambiente. Oltre alle scuole di surf, kite, windsurf, skateboard, SUP, che proporranno come di consueto al pubblico delle prove gratuite ed eventi studiati ad hoc (anche per i più piccoli), torneranno ad animare il Surf Village anche le tantissime associazioni sportive delle varie discipline (tra cui yoga, ginnastica acrobatica, vela, pattinaggio, bike, parkour, pole dance, running, difesa personale ecc.) con le nuove proposte per il pubblico e le dimostrazioni live degli atleti. Si conferma anche per questa terza edizione l’area dedicata agli Shapers, ovvero gli artigiani che con la loro sapienza danno vita alle più belle tavole da surf, e la Seart Gallery, padiglione pensato per accogliere le opere di fotografi e artisti che hanno fatto del mare e della sua salvaguardia la principale fonte d’ispirazione. La sagra del surf rappresenta anche uno spazio dove poter per discutere e informare sul tema dell’eco-sostenibilità, sensibilizzare il pubblico presente verso il rispetto del nostro prezioso ambiente, della sua natura e della preservazione dei nostri mari. Attraverso una serie di ‘talks’ con leader del ‘pensiero green’, incontri con ONG, speech curati da aziende che lavorano da anni su prodotti eco-sostenibili, presentazione di progetti green da parte di eco-partner.