Calcio Promozione B. Tharros brutto tonfo casalingo: passa il Bosa per 0 4

Pesante sconfitta interna dei biancorossi contro il Bosa, che balzano al terzo posto in piena zona play off. La gara non era compromessa dopo il vantaggio dei bosani nel primo tempo, ma nei secondi quarantacinque minuti la Tharros è colata a picco.
Pochissimo da raccontare della prima fase della partita: equilibrio appena intaccato dal gol di Pinna al 39′ che sbuca nella mischia sottoporta e devia in rete da due passi il tiro da calcio d’angolo. Nella ripresa all’11’ Atzeni sbaglia un rigore con un tiro intuito dal numero uno ospite. Dopo quattro minuti espulsione per doppia ammonizione del tharrosino Cau, colpevole di una banale irregolarità. E’ l’inizio della disfatta. La squadra diretta da Marco Cau è scossa, disorientata. Gioca senza una punta e non si vede quasi più in avanti. I ragazzi oristanesi subiscono e subiscono. Al 28′ il bosano Pinna fa il bis di testa all’angolo della porta. In questa fase si nota il comportamento poco equilibrato dell’arbitro che risparmia un doppio giallo che avrebbe riportato le due squadre in parità numerica. Si aprono autostrade verso la porta custodita da Riccardo Mele. Al 35′ Spada fa il tris da pochissimi metri. Al 40′ arriva il quarto gol degli ospiti una facile facile fotocopia del precedente. L’arbitro fischia al 45′ non concedendo il recupero per le ben sette sostituzioni nel secondo tempo. Ora i biancorossi restano terzultimi, separati da uno e due punti dalle squadre del fondo classifica.

THARROS: Mele R., Reynozo,Cau, Princiotta, Melis, Frau (Melis al 27′ s.t.), Forma, Cossu, Atzeni, Vacca (Garau al 30′ s.t.), Cadoni. Allenatore: Marco Cau

BOSA: Piras, Dettori, Mulas, Mattiello, Ledda M (Ledda T. al 6′ s.t.), Di Angelo, Soru (Spada al 15′ s.t.), Ruggiu (Melis al 37′ s.t.), Pinna (Pischedda al 30′ s.t.), Carboni R. (Mastinu al 19′ s.t.), Carboni S. Allenatore Paolo Masala.

RETI: Pinna al 39′ p.t., Pinna (al 28′ s.t.), Spada (al 35′ s.t.), Spada (al 40′ s.t.).

ESPULSI: Cau (Tharros) al 15 s.t. 

Antonio Pinna