Calcio. I bomber di casa nostra. Mauro Calvia, mister 52 gol, punta di diamante dell’Oniferese

Calcio. I bomber di casa nostra. Mauro Calvia, mister 52 gol, punta di diamante dell’Oniferese

2 Giugno 2017 Off Di Redazione GuilcerSport 3

L’attaccante più prolifico di tutti i gironi della 2a Categoria della Sardegna ha giocato in questa stagione nell’Oniferese, suo paese natale, segnando qualcosa come 52 gol. Una media davvero impressionante. Le sue reti hanno contribuito al grande campionato della squadra nuorese uscita però poi quarta. Abbiamo incontrato Calvia per conoscerlo meglio e tracciare con lui il consuntivo di questa annata nel girone H, lo stesso di Tadasuni, Aidomaggiorese e Norbello.

Mauro una annata con i fiocchi. 52 gol sono un bel bottino…

E’ sicuramente una grossa soddisfazione fare così tanti goal, in un girone per me nuovo dal momento che tante squadre avversarie non le avevo mai incontrate. Sono molto contento delle mie prestazioni di quest’anno.

Ma chi è Calvia. Ci puoi fare una tu piccola scheda personale?

Ho iniziato nei primi calci a Oniferi per proseguire poi nei giovanissimi alla Nuorese. A 16 anni esordio nella prima squadra del mio paese in 1a Categoria. Successivamente per 4 anni ho giocato a Burgos, trasferimento nel 2013/2014 alla Corrasi, nel 2015/16 a Calagonone. Con tutte queste squadre ho partecipato alla promozione in 1a Categoria.

I verdetti del girone H di 2a Categoria ti sembrano quelli giusti?

Credo che la promozione del Borore sia meritata, in quanto sono stati premiati dei sacrifici e della determinazione che hanno avuto nell’affrontare il campionato. 

Giusto anche il 4° posto dell’Oniferese? Stagione conclusa con 70 punti, 100 goal, solo 3 partite perse.

Sono rammaricato per la nostra posizione perché credo che si potesse fare di più, dal momento che avevamo le potenzialità di goderci la promozione. Samo stati penalizzati dai diversi infortuni e non abbiamo creduto in noi, si sa che in certi campi la determinazione è ciò che conta…

Come vedi il tutto, ti senti pronto per giocare in serie superiore?

Non voglio peccare di presunzione ma mi sentirei pronto ad affrontare un campionato superiore. Sono sicuro delle mie capacità e credo e spero di non fare brutta figura.

Ed allora da parte della nostra redazione un grande in bocca al lupo per i suoi traguardi futuri, a cui si aggiungono i ringraziamenti per la cortese collaborazione con il nostro sito.