Il lunedì della seconda categoria F. La capolista Nurachi rialza la testa. Niente da fare per il Simaxis

Nurachi – Simaxis è la partita del riscatto per la capolista, che trionfa per 4 a 2 con un superlativo Cabula. La squadra di casa inizia la gara con convinzione e con la giusta cattiveria agonistica. Dopo una serie di bei fraseggi, in cui manca solo la conclusione decisa a rete, al 12′ Cabula inizia quella che sarà la sua miglior partita stagionale: azione sviluppata sulla destra, l’8 nurachese salta due uomini accentrandosi e scaglia un sinistro perfetto a fil di palo: Panichi non può nulla. Al 16′ bomber Princiotta mette la palla giù su un lancio di Cabula, filtrante perfetto sulla sinistra e il solito Chergia uno contro uno non sbaglia, ed è 2 a 0. Arriva la reazione degli ospiti che rimontano in 8 minuti di gioco: al 20′ azione in rapidità, complice una difesa disattenta e un’uscita troppo affrettata di Marras, palla rasoterra per S.Frau che sigla il 2 a 1 a porta sguarnita. Al 28′ Bilancetta inventa una gran giocata dai 30 metri, “palombella” del 9 ospite, vede Marras fuori dai pali e non ci pensa due volte prima di insaccare sotto la traversa. Il primo tempo si conclude con i locali in attacco, ma in fase realizzativa Muroni e Princiotta non trovano la rete per questione di centimetri.
La ripresa riprende da dov’era terminata la prima fase, il Nurachi trova sempre più convinzione nelle sue giocate ma non riesce a trovare la rete ancora con Muroni e con un bel sinistro di Princiotta. Arriva il minuto 71, punizione dal limite, Cabula scaglia sul palo del portiere, passo falso di Panichi ed è 3 a 2. Il portiere ospite è successivamente bravissimo in due occasioni. Marras salva il risultato al 75′ su una conclusione di A. Touray. All’82’ Firinu effettua un cross sul secondo palo, stop di petto e tiro in diagonale al volo di Cabula, 4 a 2 e tripletta per il centrocampista Nurachese.
Si conclude con una bella vittoria degli uomini di Concu, bel gioco, sofferenza e tanti goal. La capolista mantiene il vantaggio di un punto sulla Narboliese vincitrice a San Vero.