Calcio Prima Categoria. Dopo la grande delusione ad Abbasanta pronti a ricominciare

Calcio Prima Categoria. Dopo la grande delusione ad Abbasanta pronti a ricominciare

16 Giugno 2017 Off Di Redazione GuilcerSport 2

È passato circa un mese, ma la delusione della penultima giornata non è ancora svanita. L’epilogo del campionato non ha di certo premiato l’Abbasanta, è mancato solo un punto per chiudere al secondo posto in classifica e assicurarsi un probabile primo posto nella graduatoria per i ripescaggi.
Nel complesso è stata un’annata da ricordare positivamente, si è formato un bel gruppo, tanti giovani ancora minorenni hanno avuto l’opportunità di allenarsi in prima squadra e qualcuno in particolare è sceso in campo da titolare o comunque ha esordito a gara in corso.
Per quanto riguarda la stagione, se volessimo giudicare separatamente il girone di andata da quello di ritorno, le valutazioni sarebbero rispettivamente 8,5 e 6,5. Purtroppo la differenza è stata notevole, per cause di forza maggiore ovviamente, ma quello che conta nel calcio è risultato finale e i conti con la fortuna sono nulli.
Girone di andata quasi perfetto, macchiato dallo svarione casalingo contro l’Oristanese. Dall’8ª giornata alla 12ª al primo posto a +1 dall’Arborea sino all’ultima gara del 2016, Abbasanta-Siddi, quando è sopraggiunto uno dei diversi episodi che hanno condizionato in negativo il resto del campionato, l’infortunio di Tore Porcu.
Nell’anno nuovo iniziano le prime difficoltà, un mal di trasferta molto lungo fa perdere una serie di punti ai ragazzi di Lello Floris, due mesi senza una vittoria lontano dalle mura amiche. Arriva la pesante squalifica per Ciso Campus, uno degli uomini più decisivi sino a quel momento, 8 reti e diverse gare da protagonista.
Il 12 febbraio ad Arborea, Simone Putzolu e compagni si trovano a -5 dalla capolista e durante il big match (con diverse assenze importanti) riescono a contrastare gli attacchi dei padroni di casa. All’88’ un palo di Leone è lo sfortunato segno del destino che fa cambiare l’esito della partita. Al 94’ i gialloblu trovano il gol vittoria e salgono a +8. Altro scivolone a Samugheo e nel frattempo un Ovodda a vele spiegate si porta a -2. Pareggio a Oristano e Ovodda a pari punti poi ancora uno stop casalingo contro la Freccia Mogoro, in un’altra gara poco brillante ma poco fortunata per i rossoneri. L’Ovodda sale a +3, tenendo il vantaggio sino al big match casalingo contro l’Arborea (2-2 e +1 sull’Abbasanta) lanciato verso il traguardo finale (10ª di ritorno). Il mese di aprile è un conto alla rovescia sino al 30, la data dello scontro diretto per il secondo posto. Gara perfetta risolta da una doppietta di Ciso Campus e sorpasso in classifica. Nella giornata successiva accade l’impossibile, a Ruinas i padroni di casa giocano con il coltello fra i denti, la porta sembra stregata. L’arbitro concede un rigore molto generoso che il Ruinas trasforma, probabilmente per compensare ne concede uno subito dopo anche all’Abbasanta che però sbaglia. L’Ovodda torna al secondo posto. Nell’ultima giornata serve solo vincere, 3 a 2 in rimonta contro il Santa Giusta, ma l’Ovodda all’ultimo respiro trova il gol vittoria con il suo uomo più rappresentativo e si prende il secondo posto.
Ovviamente era l’ultima spiaggia, un traguardo sfiorato per un solo punto. Un traguardo che si poteva raggiungere da diverse giornate, anche perché la seconda miglior difesa (28) e il secondo miglior attacco (81) del torneo meritavano il secondo posto in classifica. Il campionato invece ha premiato chi ha fallito meno chance e ha creduto di più al proprio obiettivo, con un cammino impareggiabile.

Ormai però è già tempo di pensare alla prossima stagione, si ripartirà dalle tante cose positive raggiunte attraverso l’ottimo lavoro fatto. Probabilmente verrà riconfermata in blocco la rosa della passata stagione e magari verrà aggiunto qualche tassello di esperienza che faccia fare un ulteriore salto di qualità.
Visto che un eventuale ripescaggio rimane attualmente un miracolo, per la prossima stagione l’obiettivo sarà obbligatoriamente il salto di categoria.

Ecco la classifica marcatori, per Mauro Puddu è un record con la maglia dell’Abbasanta:

PUDDU 28
CAMPUS 14
MAKNOUN 9
FULGHESU 7
CORDA, MURA, PORCU 4
PUTZOLU, SALARIS 3
MARCANGELI 2
CHERCHI, FLORIS, LEONE 1

Nicola Usai