Bernardo Mereu in “cattedra” a Bonorva per la Giornata dello Sport

Bernardo Mereu in “cattedra” a Bonorva per la Giornata dello Sport

8 Ottobre 2016 Off Di Redazione GuilcerSport 2

Nell’ambito della “Giornata dello Sport”, organizzata dalla Polisportiva Bonorva con la collaborazione delle altre associazioni sportive locali, si è svolto stamattina nell’aula consiliare del Comune un incontro dibattito che aveva come ospite e relatore Bernardo Mereu, attualmente il tecnico sardo più preparato e qualificato.

Il convegno è stato aperto dai saluti dell’assessore allo sport del Comune di Bonorva Claudio Dettori, a cui ha fatto seguito l’intervento del direttore sportivo del Bonorva calcio Giuseppe Ghisu, il quale ha spiegato che nell’ ambito della Giornata dello Sport 2016, la società ha voluto ancora organizzare un momento di confronto e dibattito con un importante personaggio del calcio dilettanti. Ospite e relatore della giornata è stato dunque il tecnico Bernardo Mereu, fresco diplomato di super corso a Coverciano, che da vero ” professore” di calcio ha analizzato a 360 gradi le tematiche inerenti soprattutto il ruolo dell’allenatore.

Ad ascoltarlo con attenzione molti tecnici provenienti anche da altre parti dell’ isola, con in prima fila il tecnico del Bonorva Mario Fadda.

L’ illustre relatore ha sviscerato tutte le diverse componenti della figura del tecnico, dando importanti nozioni sulla parte tecnica, tattica, organizzativa e comportamentale nel lavoro. Mereu ha detto ad esempio che preparare l’allenamento fuori dal campo è fondamentale insieme alla capacità di lavorare per obiettivi. Insomma non conduzioni più libere e improvvisate degli allenamenti come purtroppo si fa in tanti casi. Si è poi soffermato sulla importanza di comunicare. Capacità fondamentale in particolare nel ruolo dell’istruttore giovanile, rispetto a quello della prima quadra. Un tecnico delle squadre minori deve avere la capacità di interpretare le esigenze dei piccoli per prevenire l’abbandono del 60 per cento dei ragazzi dopo i 14 anni. Deve capire, ha sottolineato Mereu, i bisogni dei bambini nelle varie fasi della sua crescita. E’ seguito poi un interessante dibattito che ha visto partecipi molti dei presenti. Insomma un momento importante di confronto che è servito sicuramente ai partecipanti per crescere e portare quello che hanno imparato negli spogliatoi e nei campionati di gioco.