1^Categoria/La Parola ai Protagonisti: Alessio Costella difensore della “super favorita” Arborea.

1^Categoria/La Parola ai Protagonisti: Alessio Costella difensore della “super favorita” Arborea.

10 Settembre 2016 Off Di Redazione GuilcerSport 2

Alessio Costella rientra nella sua Arborea dopo tanti anni di esperienza tra Eccellenza, Promozione e Prima categoria. Classe ’86, è cresciuto nel settore giovanile dell’Arborea, con la quale ha esordito in prima categoria come fuoriquota. Ha fatto parte di diverse selezioni nelle rappresentative regionali a livello giovanile. Dopo un altro anno in prima nell’Arborea passa al Terralba sempre in Prima dove arrivano al terzo posto in classifica. L’anno successivo arriva in Eccellenza alla Tharros poi torna in Promozione a Terralba, dove purtroppo si rompe il legamento crociato anteriore del ginocchio. Riparte dal Terralba, sempre in Promozione, poi gioca con Arbus e Tharros. Rientra al Terralba in Eccellenza, per sei mesi sta fermo a causa della pubalgia e si accasa al Taloro Gavoi. Con i rossoblù non scende in campo a causa del lungo recupero dall’infortunio e a dicembre giunge ad Abbasanta. “Ad Abbasanta ci sono stato tre anni e mezzo, bellissimi, per me è stato uno dei periodi più felici”. In seguito va al Fonni dove vincono il campionato di Prima categoria. Nella passata stagione all’Oristanese, con alla guida il fratello Manolo, il motivo maggiore per cui ha fatto la scelta di vestire la maglia biancorossa.

Ha raggiunto ormai la maturità calcistica, è di sicuro uno dei migliori difensori che si vedranno nel girone C di prima categoria e che probabilmente giocherebbe titolare in ognuna delle 16 squadre che ha analizzato per GuilcerSport.

ABBASANTA:
Ci ho giocato tanti anni ed è un fortino inespugnabile, andare li a giocare è veramente dura. L’ossatura è sempre la stessa, quella degli ultimi anni, penso che possano fare veramente bene e arrivare tra le prime. Se Mauro Puddu sarà quello che conosciamo dobbiamo veramente preoccuparci di questa squadra.

ALLAI:
Hanno rifatto una squadra che vuole salvarsi, secondo me lo farà senza grossi patemi. Prima esperienza da allenatore-giocatore (e amico) per Luca Carta, a cui do un grosso in bocca al lupo. Penso che se riuscirà a trasmettere le proprie idee potrà togliersi diverse soddisfazioni. Poi purtroppo per noi avversari è anche giocatore, probabilmente qualche punizione e qualche gol li farà anche quest’anno. Auguro tutto il bene sia a lui che alla società che ci tengono tanto.

ARBOREA:
Non dobbiamo nasconderci, l’US Arborea ha fatto una squadra per stare in alto. Siamo completi in tutti i reparti, abbiamo un allenatore preparato, la società sta facendo salti mortali su tutto, abbiamo un organizzazione che fa invidia a squadre di categoria superiore. Ci sono tutte le carte in regola per far bene, sarà comunque il campo a parlare. Noi faremo del nostro meglio e ce la giocheremo con tutti, poi tireremo le somme.

ARITZO 1977:
Non ho grosse notizie, so che negli ultimi anni con l’aiuto di qualche giocatore del sud Sardegna hanno sempre fatto bene, però quest’anno non so che tipo di squadra abbiano fatto.

ATLETICO CABRAS: Hanno avuto diverse partenze, comunque lotterà per la salvezza, è una squadra giovane e anche quello non sarà un campo facile.

C.R. ARBOREA:
È una squadra in cui la forza la fa il gruppo, sono tutti amici, bravi a giocare a calcio e messi insieme di sicuro potranno dire la loro. L’anno scorso hanno fatto un grande campionato, nonostante ci fossero squadre più attrezzate, sono arrivati secondi e probabilmente avrebbero meritato qualcosa in più. È rientrato Alessio Sperandio dal Marrubiu, un acquisto di qualità, più qualche altro innesto gli dà la possibilità di far bene anche in prima, potranno essere la sorpresa del torneo. Ci sono giocatori come Poli che sicuramente danno un apporto importante.

FRECCIA MOGORO:
Non so tanto, l’anno scorso mi hanno impressionato bene. So che è partito qualcuno, come i fratelli Pilloni, però se sono rimasti gli altri giocatori è una squadra solida e ostica. Campo in terra, sarà difficile per tutti fare punti.

GENNARGENTU DESULO: Ci ho giocato contro due anni fa quando ero a Fonni, arrivano da due anni senza sconfitte sul loro campo, se non sbaglio. So che hanno ingaggiato qualcuno dal cagliaritano, è arrivato Giuseppe Milia dal Fonni che è un giocatore molto forte. Sicuramente sarà una delle squadre che potrà arrivare tra le prime.

ORISTANESE:
La vedo bene, potrebbero arrivare tra le prime tre. L’arrivo di mister Cuccu, le conferme dei giocatori dell’anno scorso più qualche innesto importante e la società solida sono il mix giusto per fare bene. L’anno scorso sono stato veramente bene e auguro loro tutto il bene possibile.

OVODDA:
Ci ho giocato contro sempre quando ero a Fonni. Campo in terra, campo difficilissimo, non so chi abbiano preso ma di sicuro hanno fatto una squadra per ben figuare. Lo vedo tra le prime cinque insiemea Desulo, Oristanese, Arborea e Abbasanta.

RUINAS 81:
Hanno fatto un ottimo acquisto, Marco Musu di Villaurbana. Poi per il resto della squadra non so granchè, sono una matricola e lotteranno per salvarsi.

SAMUGHEO:
È uno dei campi più ostici del girone, squadra riconfermata che sarà più o meno simile agli anni scorsi. La conferma del mister Gianni Serra è un tassello importante poi l’acquisto di Angius è la vera ciliegina sulla torta. Non so bene il livello del girone ma probabilmente riusciranno a dire la loro.

SANTA GIUSTA:
Sarà la squadra dell’anno scorso, mancherà Peddoni che fortunatamente giocherà con noi. Il vero acquisto del Santa Giusta è il ritorno del mister Farina. È uno dei migliori allenatori che ci sono in zona, lo ho avuto ad Abbasanta e fa giocare bene le proprie squadre, infatti l’anno scorso lasciò la squadra seconda in classifica.

SEDILO:
So che si sono rinforzati con qualche innesto locale, non conosco bene il resto dell’organico, ma di sicuro anche loro sono una delle squadre che lotteranno per la salvezza.

SIDDI:
Non so granché, di sicuro giocherà per la salvezza essendo una neopromossa, li in coda sarà un torneo molto equilibrato.

TRAMATZA 1972:
Sono stati bravi a rifare la squadra dopo tanti anni, sono un gruppo di amici che si è dato seriamente da fare. Il campionato dell’anno scorso dimostra l’unione di questo posto e la qualità dei giocatori. Hanno un ottimo allenatore che è Bobo Sau, squadra riconfermata poi ci hanno “rubato” Pietro Manca che li farà fare il salto di qualità. Lo stesso discorso fatto per il CR, l’anno scorso si sono giocati il campionato sino alla fine infatti sono arrivate prima e seconda, le metto sullo stesso piano, potrebbero essere le sorprese. Hanno preso anche Nicola Lonis, l’anno scorso era con me all’Oristanese, che è un ottimo giocatore di fascia.

Grazie a Alessio Costella per questa bella chiacchierata e in bocca al lupo per il campionato.

Nicola Usai.