12 mesi fa nasceva GuilcerSport. 1500 notizie in un anno tutto per lo sport locale

12 mesi fa nasceva GuilcerSport. 1500 notizie in un anno tutto per lo sport locale

12 Febbraio 2017 Off Di Redazione GuilcerSport 2

Chissà se durano e quanto durano. Avevano pensato così i soliti “negativi” molto numerosi anche dalle nostre parti. Ed invece siamo qui, vivi e vegeti a festeggiare il 1° compleanno. Due semplici numeri aiutano a capire la nostra “piccola vita”. 1500 notizie pubblicate di tutti gli sport, circa 3600 amici che hanno messo liberamente il loro mi piace sulla pagina Facebook. 12 mesi di lavoro e passione sportiva andata avanti in maniera semplice e genuina. Esattamente come facemmo un anno fa, quando proprio il 12 Febbraio nacque la nuova iniziativa editoriale. Per la presentazione del sito sportivo web www.GuilcerSport.it niente inviti per nostra scelta inviti scritti o particolari a nessuno. E’ stato un tam tam attraverso i social e il passa parola fra amici, conoscenti e tutti coloro che fanno parte del variegato mondo sportivo del Guilcer e non solo. In maniera genuina e senza grandi clamori, esattamente come abbiamo voluto impostare il nostro impegno che non è un lavoro a scopo di lucro, ma soltanto l’iniziativa di due persone come me e l’amico Simone Carrucciu innamorate dello sport e del territorio dove siamo nati e viviamo. Per il resto, in questo 1° anno le protagoniste sono le tante società sportive e gli sportivi del centro Sardegna. Un esercito quasi invisibile di centinaia e centinaia di atleti, dirigenti, tecnici, arbitri e sostenitori che fanno parte di un mondo che intendiamo proseguire a raccontare e valorizzare con l’aiuto ed il sostegno di tutti. A tal proposito ringraziamo di cuore i tanti collaboratori ed amici che durante questo anno hanno scritto gratuitamente per condividere il nostro progetto. Un grazie particolare a Donisetta Carrucciu e Alberto Cualbu che hanno curato la pubblicazione e la composizione grafica di tutte le notizie. Un lavoro invisibile ma importante come gli altri. Grazie!

Serafino Corrias